Intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari hanno visto la loro escalation negli ultimi 20 anni specialmente riferendo al lattosio e al più temuto glutine.
 
Le allergie hanno ancora un ruolo importante nonostante l’aumento delle intolleranze e non sempre è chiara la differenza.
 
Le intolleranze riguardano una “presunta” anomalia enzimatica da parte dell’organismo a scomporre un determinato composto: il lattosio – lo zucchero (disaccaride) presente in latte e latticini – creerebbe reazioni d’intolleranza quando la lattasi è insufficiente.
 
L’abuso di latte e prodotti che lo contengono provocherebbero quindi la reazione che hanno somiglianze all’allergia nelle sue reazioni: dolori addominali, diarrea, nausea, gonfiore allo stomaco, prurito, arrossamento della cute, ecc. La soluzione più pratica e veloce per evitare il disturbo (ma non risolvere la causa) è la sospensione del cibo intollerante e la sua acquisizione in piccole dose e bassa frequenza.
 
Nell’allergia, invece, ad essere coinvolto è il sistema immunitario, che non riconoscendo il componente di un alimento o farmaco, instaura una reazione più imponente che può portare a difficoltà cardio respiratorie fino allo shock anafilattico. In questo caso il cibo o il farmaco va sospeso completamente.
 
La naturopatia si approccia alle intolleranze e alle allergie sempre in modo olistico, poiché spesso queste si manifestano in determinati periodi della vita. Il discorso delle intolleranze specialmente per latticini e glutine si affronta con una certa attenzione. Si noti come alcuni soggetti allergici alle fragole da bambini in età adulta superino questo disagio oppure in età matura sviluppino allergie a cibi assunti da sempre.
 
L’attenzione viene posta ad alcuni emuntori come fegato e reni quali filtri del sangue che quando non perfettamente in equilibrio possono essere collegati a reazioni allergiche.
 
Periodo d’eccellenza è la primavera dove il fegato secondo la Medicina Tradizionale Cinese è al suo massimo di energia e impiego, a tal proposito sarebbe proficuo nel periodo invernale prepararsi adeguatamente per contrastare i raffreddori tipici della fine del primo trimestre dell’anno.

 

Antonio Armeni, Naturopata e collaboratore dell’Associazione Maa Karuna, Massagno. Lo potrete incontrare durate le giornate delle porte aperte Sabato 28 e Domenica 29 Aprile, dove ci parlerà della
Nutrizione in Primavera, energia del legno: rinascita. Fegato e cistifellea: detossinazione, intolleranze e allergie.
 
 
IMPORTANTE: le indicazioni soprascritte sono a titolo informativo, non è mai consigliato usarle in autonomia e soprattutto dopo avere letto pagine su internet. Consultate un professionista del settore e in caso di dubbi contattare sempre il proprio medico curante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *