2018 Copaiba: più di un semplice Cariofillene – dōTERRA®science

Tanta informazione sull’olio essenziale di Copaiba si concentra sul beta-cariofillene e per una buona ragione. Non solo questo sesquiterpene costituisce circa il 50 percento dell’olio di Copaiba CPTG ® , ma è anche un composto straordinario con benefici per la salute ampiamente studiati. Per iniziare, è un cannabinoide che ha effetti influenti sui recettori CB2 e una serie di benefici terapeutici promettenti. Ha anche potenti proprietà antiossidanti e supporta un numero di sistemi corporei se assunto internamente.

Tuttavia, mentre il beta-cariofillene è un terpene straordinario con proprietà che stiamo ancora scoprendo, il vero potere degli oli essenziali non è nei loro singoli composti. Piuttosto, si trova nell’effetto combinato o nella sinergia dei componenti dell’olio che sono uniti in modo univoco dalla natura. Per capire veramente quanto sia potente Copaiba e come possa essere meglio utilizzato nella propria routine con gli olo essenziali, è meglio familiarizzare con i suoi altri costituenti primari ed esaminare la ricerca sull’olio nel suo complesso.


L’altra metà della storia 
Attraverso i nostri test, abbiamo scoperto che Copaiba è ricco di copaene, bergamotene e humulene. Questi sono tutti sesquiterpeni che, isolatamente, hanno anche dimostrato di avere un certo numero di benefiche proprietà salutari. La ricerca in vitro ha dimostrato che il copaene può avere potenti proprietà antiossidanti (Turkez) e offrire protezione contro le minacce ambientali (Andrade). * Il bergamotene è particolarmente interessante, poiché la ricerca in vivo suggerisce che potrebbe supportare la corretta funzione del sistema immunitario quando assunto internamente (Gelmini) * Analogamente, la ricerca sperimentale suggerisce che l’uso interno dell’umulene può supportare una risposta infiammatoria adeguata (Fernandes, Passos). *

Ma grazie alla sinergia, i benefici dell’olio di Copaiba sono in realtà maggiori dei benefici delle singole parti. Esaminando l’olio essenziale di Copaiba nel suo insieme, possiamo vedere che esiste una vasta ricerca che suggerisce che ha benefici interni che vanno dal sostegno del sistema cardiovascolare (Campos) alla corretta funzione dell’apparato respiratorio (Kobayashi). Esistono poche prove scientifiche definitive che suggeriscano che queste proprietà siano dovute all’attività isolata del beta-cariofillene o di uno qualsiasi degli altri composti del sesquiterpene trovati a Copaiba.

Gli oli essenziali sono composti da decine a centinaia di diversi composti terpenici in proporzioni distinte con benefici per la salute che stiamo appena iniziando a capire. Sebbene il beta-cariofillene isolato abbia un numero di proprietà sorprendenti, come oli sintetici, semplicemente non può essere paragonato a tutti gli oli essenziali in cui è stato trovato.

 

Una possibile spiegazione di Sinergia

Anche se i meccanismi che spiegano la sinergia nell’olio di Copaiba sono ancora misteriosi, la nuova ricerca pubblicata quest’anno sta iniziando a far luce su come gli olii essenziali in generale possono essere più efficaci dei loro costituenti isolati. Uno studio pubblicato di recente ha rilevato che alcuni terpeni aumentano sia la fluidità che la permeabilità delle membrane cellulari (Hąc-Wydro). In altre parole, aumentano la facilità con cui una molecola può passare attraverso la membrana cellulare ed entrare in una cellula.

Gli esperimenti condotti nello studio hanno rivelato che le molecole di olio aumentano la permeabilità della membrana cellulare intrecciandosi negli spazi tra i lipidi. Ciò interrompe le forze tra le molecole lipidiche vicine (Hąc-Wydro), e rende più facile la formazione di minuscoli fori tra le molecole nella membrana. I piccoli fori consentono quindi il passaggio di piccole molecole dall’ambiente esterno. Poiché le membrane delle cellule umane hanno lipidi con tutti i tipi di forme e dimensioni diverse, un olio diverso con componenti di diverse forme e dimensioni probabilmente avrà una maggiore capacità di aumentare la permeabilità.

Se un componente in un olio aiuta ad aumentare la permeabilità della membrana, un altro costituente può entrare più facilmente nella cellula ed esercitare un effetto più forte sugli enzimi e altre proteine ​​intracellulari. A sua volta, entrambi i costituenti avrebbero effetti più deboli sulle cellule rispetto alla loro combinazione.

Si scopre che alcuni componenti di Copaiba hanno dimostrato di essere sinergizzati usando questo meccanismo esatto. Ad esempio, l’umulene e l’isocariofillene,  sesquiterpeni presenti nellolio essenziale di Cipaiba, sono entrambi noti per la loro capacità di sostenere la salute cellulare (Legault & Pichette). Se combinati con il costituente principale di Copaiba, il beta-cariofillene, questi composti hanno effetti ancora maggiori (Legault & Pichette). La ricerca mostra che la ragione per cui questi composti si uniscono al beta-cariofillene è dovuta al fatto che il beta-cariofillene facilita il loro passaggio attraverso la membrana cellulare (Legault & Pichette). La sinergia è un fenomeno reale, scientificamente convalidato, e non si otterrà dall’isolamento di una sostanza chimica specifica.

In conclusione

A doTERRA offriamo a tutti l’opportunità di sperimentare i veri benefici di  oli essenziali CPTG integrali. L’olio essenziale di Copaiba è molto più di un semplice beta-cariofillene; infatti, circa il 50 percento dell’olio è composto da altri composti del sesquiterpene che si aggiungono ai benefici per la salute di Copaiba. Altre proprietà di Copaiba derivano dagli effetti sinergici di questi costituenti. Mentre gli esatti meccanismi della sinergia degli oli sono ancora in fase di studio, è chiaro che un olio è molto più della somma delle sue parti. Se stai decidendo tra un isolato chimico o un olio intero, la formulazione della natura è la scelta più chiara.


Riferimenti

Turkez H, et al. Effetti del copaene, un sesquiterpene triciclico, su cellule di linfociti umani in vitro. Cytotechnology.2014; 66 (4): 597-603.

Andrade MA, et al. Oli essenziali: attività in vitro contro Leishmania amazonensis, citotossicità e composizione chimica.Medicina alternativa complementare BMC. 2016; 16: 444.

Gelmini F, et al. GC-MS profiling dei costituenti fitochimici dell’oleoresina di Copaifera langsdorffii Desf. e una valutazione preliminare in vivo del suo effetto antipsoriatrico. International Journal of Pharmacology. 2013; 440 (2): 170-178.

Fernandes E, et al. Effetti anti-infiammatori di composti alfa-humulene e (-) – trans-cariofillene isolati dall’olio essenziale di Cordia verbenacea.European Journal of Pharmacology. 2007; 569 (3): 228-236.

Passos GF, et al. Proprietà antinfiammatorie e antiallergiche dell’olio essenziale e composti attivi della Cordenacea verbenacea. Il Journal of Ethnopharmacology. 2007; 110 (2): 323-333.

Campos C, et al. Effetto di olio di copaiba libero e nanoincapsulato sull’ipertensione arteriosa polmonare indotta da monocrotalina. Journal of Cardiovascular Pharmacology. 2017; 69 (2): 79-85.

Kobayashi C, et al. Valutazione farmacologica dell’olio di Copaifera multijuga nei ratti. Biologia farmaceutica.2011; 49 (3): 306-313.

Hąc-Wydro, et al. (2017). Studi sul comportamento di eucaliptolo e terpineni-4-ol-naturali additivi alimentari e pesticidi ecologici-in modello di membrane lipidiche. Langmuir. doi: 10.1021 / acs.langmuir.7b00774

Legault J, Pichette A. Effetto potenziatore del beta-cariofillene sull’attività antitumorale di alfa-humulene, isocarderlofen e paclitaxel.

Li Y, Xu YL, Lai YN et al. La co-somministrazione intranasale di 1,8-cineolo con vaccino antinfluenzale fornisce una protezione incrociata contro l’infezione da virus dell’influenza.Fitomedicina. 2017 15 ottobre; 34: 127-135. doi: 10.1016 / j.phymed.2017.08.014. Epub 2017 18 agosto.

Fonte: Copaiba: More than Just Caryophyllene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *